Riabilitazione - video -

Il video riassume e spiega la riabilitazione da varie patologie ad esempio l’artrosi è una patologia a carattere cronico e prevalentemente degenerativo che presenta un’incidenza particolarmente elevata nelle fasce di età medioavanzate. La localizzazione al ginocchio costituisce una delle più frequenti colpendo il 25-30% della popolazione, in prevalenza femmine intorno ai 50 anni di età, ed è tra le più invalidanti. L’etiologia dell'artrosi nella forma primitiva è ancora in gran parte ignota; la malattia insorge in genere senza predisponenti infiammatori e traumatici locali. Quelli che sono considerati gli eventi patogenetici principali sono noti da tempo.

L’evento primo è da ricercare nella riduzione ed alterazione dei proteoglicani: fattori meccanici, chimici o citologici comportano la depolimerizzazione delle catene di glicosaminoglicani che diminuiscono la resistenza della matrice della cartilagine articolare. In conseguenza, non protette dalla matrice, si spezzano anche le fibrille collagene e la cartilagine, persa l’elastic ità, si usura partecipando all'interessamento l'osso subcondrale e le strutture fibro-legamentose. L’alterazione citologica e chimica deriva probabilmente da lla sofferenza dei condrociti con il rilascio di enzimilitici ed in un inadeguato turnover cellulare che conduce alla produzione di molecole insufficienti sia sotto il profilo strutturale che quantitativo. L’artrosi primitiva e secondaria hanno in comune le modificazioni del liquido sinoviale (nella secondaria “meccaniche”). In particolare nelle immobilizzazioni o nei processi in fiammatori si liberano ialuronidasi che causano una carenza dell’azione lubrificante ed alterazioni della nutrizione della cartilagine. L’inizio del processo artrosico secondario può deriv are sia da una prolungata immobilizzazione che da un eccessivo od alterato carico, da flogosi sinoviali, in sufficienze vascolari, alterazioni della funzione dei condrociti.

Tra le metodiche crenoterapiche la fangobalneoterapia e la chinesiterapia in acqua minerale di Abano e Montegrotto Terme rivestono un ruolo fondamentale. Utilizzando un mezzo salsobromoiodico il meccanismo specifico consiste essenzialmente nell’azione anti infiammatoria.