Piselli dei Colli Euganei

Arquà Petrarca e Baone coinvolte nella sperimentazione organizzata dall'Ente Parco e affidata alla Pro Loco di Baone. Avviata nel 2008, la sperimentazione ha l'obiettivo di individuare le migliori cultivar di pisello, tra le varietà nane e precoci, che rispettino la tipicità di una coltura che rivestiva grande importanza nell'economia agricola dei Colli Euganei. Il pisello euganeo, infatti, era noto per la dolcezza e precocità, caratteristiche che vengono ricordate e valorizzate nella Festa dei Bisi organizzata in maggio a Baone, un tempo punto di riferimento con la vicina Arquà Petrarca per la produzione e commercializzazione dei piselli destinati al consumo fresco.
Uno degli obiettivi della sperimentazione, oltre alla scelta di una cultivar ad hoc, è il rilancio di una coltura che può permettersi di uscire dalla definizione di prodotto di nicchia. In tal senso l'Ente parco ha coinvolto i ristoratori dei Colli Euganei riguardo la possibilità di acquistare direttamente dai produttori i piselli freschi.
Una domanda che ha portato alla semina autunnale in pieno campo di circa 5 ettari complessivi con una previsione di raccolto che si aggira sui 250 quintali di piselli. Un primo passo sicuramente incoraggiante per un prodotto tipico che vanta una lunga tradizionale colturale.